Evoluzione tecnologica, ricerca e sviluppo

Il nostro laboratorio 4.0

Siamo felici di presentarvi la nostra sartoria tecnologica

Una forma mentis chiamata Dosco-Lab 4.0

Anthis e Dosco hanno unito le forze nel febbraio 2019. La necessità di espandere il business di Dosco nella parte sud-orientale dell’Europa e il desiderio da parte della direzione di Dosco di portare avanti alcuni dei progetti di Anthis, hanno creato le condizioni per sviluppare, inizialmente, due prototipi. Nel frattempo è iniziato anche il processo di scouting per trovare nuovi Mercati nelle aree circostanti.

Davide che controlla (grazie al visore Toshiba DynaEdge) la fune insieme ad un ispettore in remoto

I prototipi e-LIM e s-LIM (electric and slick Line Integrity Monitor) sono stati i principali driver per creare Dosco Lab 4.0 in Italia.

Dosco lab 4.0, con sede in Italia, è il Dipartimento di Ricerca & Sviluppo di Dosco Petroservices, gestito dal Dipartimento di Ingegneria anthis, ed è il nostro contributo all’inizio della Rivoluzione delle Macchine.

Dosco Petroservices sa che tutto è destinato a cambiare: il nostro lavoro, il nostro modo di pensare, il nostro approccio alla sicurezza, e desidera essere parte di questo cambiamento attraverso l’evoluzione tecnologica, la ricerca e lo sviluppo.

Essendo Anthis una società di ispezione CND con una visione digitale / tecnologica, si allinea perfettamente con la visione di Dosco. Attraverso l’ottimizzazione dei processi di ispezione, le macchine saranno in grado di garantire assoluta sicurezza.

e-LIM and s-LIM

L’analisi delle imperfezioni  sul filo slick line e sul cavo wireline è per molti versi simile alle indagini su una scena del crimine.

Queste imperfezioni  sono classificate meccaniche o elettriche mentre i guasti del filo slick line sono solo meccanici.

Quelli meccanici possono ora essere rilevati con e-LIM (Line Integrity Monitor elettrico) e s-LIM (slick Line Integrity Monitor) per evitare inutili problemi di tempo in pozzo o per determinare il motivo del guasto.

I guasti meccanici colpiscono principalmente l’armatura esterna in acciaio del filo wireline  o la superficie esterna del cavo standard o H2S Service slick line, mentre un’altra causa comune è legata all’ambiente del pozzo e ai fluidi corrosivi che causano l’infragilimento  e il guasto dell’armatura o del filo slickline  in condizioni di carico ridotto.

L’usura e i danni meccanici, il sovraccarico di trazione, la corrosione, la vaiolatura e la fatica sono rischi di guasto che possono essere identificati durante lo spooling pre-lavoro o durante l’esecuzione o l’estrazione dal pozzo.

e-LIM e s-LIM sono facili da installare, robusti, affidabili, portatili e vengono forniti con il loro software in cui i picchi negativi o positivi possono facilmente identificare i guasti meccanici sopra descritti.
Antonio Muffo
CEO @ Anthis

Mentre le prove meccaniche dell’integrità del filo o l’impostazione di un inviluppo di chilometraggio per l’utilizzo del filo sono parametri comuni per determinare se il filo può ancora essere utilizzato nelle operazioni, non colgono completamente il rischio di un guasto del filo iniziale o il potenziale uso continuato di un buon filo che ha superato il limite di inviluppo di chilometraggio.

I  processi digitali di e-Lim e s-Lim ridurranno i rischi, a causa delle prime previsioni di avvio dei guasti, oltre a fornire il potenziale per l’uso continuato di fili ancora adatti all’uso, anche oltre il limite di chilometraggio preimpostato del filo.

Banco prove con Magneto Induttivo (MRT)

Unico nel suo genere, primo in assoluto nel panorama delle ispezioni degli accessori di sollevamento. Il sistema, capace di lavorare anche in remoto, è il risultato di un lavoro di gruppo finalizzato a creare i presupposti per la Sicurezza al di là delle norme.

Lo standard ISO 4309:2017 stabilisce i principi generali per la cura e la manutenzione, l’ispezione e lo scarto delle funi metalliche utilizzate su gru e paranchi.  Sebbene le brache di fune  non appartengano a nessuna delle categorie in cui si applica la Norma, riteniamo che una Reale Analisi di qualsiasi fune metallica utilizzata nel settore del sollevamento possa essere realizzata solo utilizzando la tecnologia MRT con il  supporto di un banco che garantisce sicurezza oltre gli standard.

Il banco garantisce un utilizzo stabile del dispositivo MRT che, se utilizzato a mano, potrebbe dare una lettura errata dell’output se non mantenuto stabile durante l’analisi/ispezione.

Fornisce inoltre criteri di scarto più realistici che coprono le diminuzioni del diametro della fune  e la presenza di corrosione e fornisce un metodo per valutare l’effetto combinato del deterioramento in qualsiasi posizione della corda.

Da' uno sguardo alla nostra sartoria tecnologica